mal di gola in estate
Salute e Benessere

Estate e placche alla gola: i consigli e i rimedi per curarle

Gli sbalzi termici, l’aria condizionata impostata su temperature glaciali o i ventilatori puntati addosso tutta la notte, sono le prime cause di placche alla gola durante l’estate.

Il mal di gola, così come anche la febbre, sono disturbi spesso associati solo ai mesi invernali. In realtà, però, entrambi questi disturbi sono piuttosto comuni anche duranti i mesi estivi e non risparmiano proprio nessuno.

Il mal di gola è un’infiammazione del cavo orale e si manifesta come una reazione di difesa quando il nostro corpo cerca di proteggersi da aggressioni esterne che, durante i mesi estivi, sono normalmente rappresentate da correnti d’aria e dai forti sbalzi termici che ci sono tra la temperatura esterna e quella interna agli edifici, soprattutto negozi, centri commerciali e uffici.

Ambienti come centri commerciali ed uffici, infatti, sono fortemente climatizzati con una temperatura che varia tra i 10 ed i 15 gradi di differenza rispetto a quella esterna mettendo in difficoltà il nostro organismo che non riesce ad abituarsi ai forti cambiamenti, senza considerare che spesso il nostro organismo subisce questi veri e propri shock anche più volte al giorno.

mal di gola in estate

Gli sbalzi termici mettono quindi sotto sforzo il nostro organismo che alcune volte reagisce con un’infiammazione a livello della laringe che inizia con un leggero bruciore durante la deglutizione.

A scatenare il mal di gola estivo possono essere anche le correnti d’aria che si formano quando si è in automobile con il finestrino della macchina abbassato, quando si utilizzano i ventilatori o quando i filtri dei condizionatori non funzionano correttamente. Infatti se i filtri non vengono puliti accuratamente, soprattutto se non vengono utilizzati per lunghi periodi, possono diventare un vero e proprio covo di batteri, acari, funghi e pollini.

Tutti questi fattori, soprattutto se combinati insieme, favoriscono l’insorgere di infezioni al cavo orale e alla gola, che si manifestano soprattutto con difficoltà nella deglutizione, bruciore alla gola, raffreddore lieve fino ad arrivare alla febbre e alle placche alla gola.

Come si cura il mal di gola

Il mal di gola contratto durante i mesi estivi è quindi, nella maggior parte dei casi, piuttosto lieve ed è possibile curarlo con prodotti da banco che non hanno bisogno di una prescrizione medica come i farmaci ad azione locale a base di antisettici, utili a curare l’infezione, e antinfiammatori e antidolorifici, utili invece ad attenuare il dolore e il bruciore.

Per combattere questo tipo di mal di gola, i farmaci più adatti sono quelli spray ed i collutori, perché rilasciano i loro principi attivi direttamente sulla zona infiammata senza causare effetti collaterali allo stomaco.

Quando però il dolore è più intenso ed è accompagnato dalla presenza delle placche, oppure il mal di gola ha origine batterica, la soluzione migliore allora è quella di recarsi dal proprio medico di fiducia così da trovare la terapia migliore in base ai propri sintomi.

Rimedi naturali per combattere i mal di gola

rimedi naturali contro il mal di gola

Quando il mal di gola non ha origine batterica, o comunque non è accompagnato da placche e febbre, è possibile anche utilizzare delle cure alternative che possono calmare l’infiammazione. Tra queste cure possiamo trovare:

  • Miele e limone: sicuramente il rimedio naturale più utilizzato è una miscela composta da miele e limone. Questi due ingredienti, infatti, donano sollievo immediato e aiutano a lenire la gola;
  • Gargarismi con aceto di mele e acqua: molto utilizzato, anche se dal sapore poco piacevole, è questo rimedio che, grazie alle proprietà dell’aceto, reagisce contro l’infiammazione e disinfetta il cavo orale;
  • Infuso di olmo rosso: anche se meno conosciuto, l’olmo rosso è molto utile per combattere le irritazioni del cavo orale. La sua corteccia, reperibile in erboristeria, può essere utilizzata per preparare una bevanda che può essere bevuta anche più volte al giorno;
  • Decotto di zenzero: il gingerolo, contenuto nello zenzero, è ottimo per combattere le infiammazioni ed è indicato anche per contrastare i sintomi del raffreddore. Basterà mettere in infusine 2 cm di questa radice in una tazza di acqua bollente per sentirsi subito meglio;
  • Suffumigi con oli essenziali: i suffumigi liberano le vie respiratorie e fluidificano il muco. Se poi vengono associati anche a degli oli essenziali, possono acquisire anche un’azione antivirale. Per ottenere questa proprietà, gli oli più indicati sono quelli di limone, menta piperita, rosmarino, pepe nero, bergamotto, melissa, melaleuca e pino.

Come si suol dire, comunque, “prevenire è meglio che curare” e lo stesso vale anche per il mal di gola estivo. Per evitare che si presenti questo disturbo, infatti, basta seguire alcuni semplici consigli: quando si viaggia sui mezzi pubblici, per esempio, o si lavora in un ufficio o negozio molto climatizzato, è bene portare sempre con sé un foulard o una maglia leggera per coprire bocca e collo. Quando si va al mare o in piscina, invece, è bene evitare di rimanere troppo a lungo con il costume bagnato addosso e asciugare sempre i capelli prima di entrare in auto o, per lo meno, di viaggiare con il finestrino abbassato o l’aria condizionata accesa, perché possono favorire il mal di gola.

Commenti disabilitati su Estate e placche alla gola: i consigli e i rimedi per curarle